I numeri dei social media in Italia. Focus su Milano e Piacenza

I numeri dei social media in Italia. Focus su Milano e Piacenza

Tutti i numeri di Internet e le tendenze. Facebook, Instagram, Youtube, Whatsapp e le piattaforme più diffuse

La popolazione totale della Terra oggi è composta da 7,7 miliardi di individui, il 56% dei quali vivono in centri urbani. 

4,35 miliardi di persone hanno un accesso ad internet, poco più della metà, con una crescita del 9% rispetto al 2018. 

5,12 miliardi di persone possiedono uno smartphone o un telefono cellulare;

•3,53 miliardi di persone hanno un profilo attivo sui social media, pari al 45% della popolazione mondiale (con una crescita del 9% rispetto all'anno precedente);

•3,25 miliardi di persone utilizzano i social con lo smartphone (+10% rispetto all'anno precedente).

 

Nel mondo ci sono 8,9 account social per ogni persona che accede ad internet. Le persone trascorrono in media 2 ore e 16 minuti al giorno sui social o sulle chat.

•Facebook è utilizzato da 2,71 miliardi di persone [+1,7%];

•Youtube è utilizzato da 1,9 miliardi di persone;

•Whatsapp (FB) è utilizzato da 1,5 miliardi di persone;

•Messenger (FB) è utilizzato da 1,3 miliardi di persone;

•WeChat è utilizzato da 1,08 miliardi di persone [+2,3%];

•Instagram (FB) da 1 miliardo di persone [+4,4%];

•QQ è utilizzato da 803 milioni di persone;

•QZone è utilizzato da 531 milioni di persone;

•TikTok è utilizzato da 500 milioni di persone;

•Weibo da 446 milioni di persone [+3,5%];

•Twitter da 326 milioni di persone[-2,7%];

•Linkedin da 303 milioni di persone;

•Skype da 300 milioni di persone;

•Snapchat da 287 milioni di persone [-12%];

•Pinterest da 250 milioni di persone.

 

In Europa a livello continentale vivono 846 milioni di individui, il 74% dei quali, in centri urbani. L'Unione Europea ha una popolazione di circa 508 milioni di abitanti.

•725 milioni di persone hanno un accesso ad internet, circa l'86% del totale, con una crescita del 7,6% rispetto al 2018. 

•1 miliardo di persone possiede uno smartphone o un telefono cellulare;

•462,5 milioni di persone hanno un profilo attivo sui social media, pari al 55% della popolazione europea;

•393,4 milionni di persone utilizzano i social con lo smartphone (+4,5% rispetto all'anno precedente).

 

In Italia abitano 59,25 milioni di persone, il 71% delle quali risiede in centri urbani.

 

• 54,80 milioni di persone hanno un accesso ad internet, circa l'92% del totale, con una crescita del 27% rispetto al 2018, pari a circa 11 milioni di persone in più.

• In Italia ci sono 85,92 milioni di SIM attive, 2 milioni in più rispetto al 2018. Ci sono più SIM che persone (145%).

• 35 milioni di italiani hanno un profilo attivo sui social media, pari al 59% della popolazione (+3% rispetto all'anno precedente).

• 31 milioni di persone utilizzano i social con lo smartphone (+3,3% rispetto all'anno precedente).

 

Ogni italiano è connesso ad internet per circa 6 ore al giorno, ha in media 7,4 account social attivi e li usa per 1 ora e 51 minuti al giorno. Solo l'11% degli italiani utilizza i social per lavoro.

 

35 milioni di italiani hanno un profilo social attivo:

• Youtube è utilizzato da 30,450 milioni di italiani (87%);

• Whatsapp è utilizzato da 29,400 milioni di italiani (84%);

• Facebook è utilizzato da 28,350 milioni di italiani (81%);

• Instagram è utilizzato da 19,250 milioni di italiani (55%);

• Messenger è utilizzato da 18,800 milioni di italiani (54%);

• Twitter è utilizzato da 11,200 milioni di italiani (32%);

• Linkedin è utilizzato da 10,150 milioni di italiani (29%);

• Skype è utilizzato da 9,450 milioni di italiani (27%);

• Pinterest da 8,400 milioni di italiani (24%);

• Snapchat da 4,200 milioni di italiani (12%);

• Tumblr da 4,200 milioni di italiani (12%);

• WeChat da 3,850 milioni di italiani (11%)

• Twitch da 3,500 milioni di italiani (10%).

• Viber da 3,150 milioni di italiani (9%).

 

Abbiamo focalizzato la nostra indagine su Piacenza, una piccola provincia italiana abitata da 287.000 persone, a confronto con l'area metropolitana di Milano, la più "avanzata" in Italia, popolata da oltre 3.200.000 persone.

 

Nel territorio della Provincia di Piacenza, anche grazie alla diffusione degli hotspot gratuiti, hanno una connessione ad internet circa 240.000 persone e 160.000 utilizzano i social media.

 

Nel territorio della Provincia di Milano, hanno una connessione ad internet circa 2.500.000 persone. Gli utenti attivi sui social media sono circa 2.100.000.

 

I social più diffusi a Piacenza sono Youtube, che è utilizzato da oltre 160.000 persone, e Facebook, con circa 150.000 profili attivi.

Il servizio di messaggistica preferito è Whatsapp, con oltre 155.000 account attivi, seguito da Messenger con 90.000 e Skype con i suoi 43.200 account.

 

Si mantiene alto anche nel 2019 l'interesse per Instagram: i piacentini su questa piattaforma sono ormai poco meno di 95.000. Hanno un profilo Twitter 51.200 persone, mentre Linkedin, il social network professionale per eccellenza, è utilizzato da circa 46.800 piacentini, sopra la media rispetto al resto del Paese. Cresce anche il numero di utenti di Pinterest che arrivano ad essere 38.400.

 

A Milano sia Facebook che Youtube superano i 2 milioni di utenti attivi, equamente divisi tra uomini (51,5%) e donne (48,5%).

Tra i servizi di messaggistica il preferito è Whatsapp con 1,8 milioni di utenti, seguito da Messenger con 1,16 milioni e Skype con 580.000 account, WeChat con 236.000 e Viber con 193.000.

Instagram vanta il tasso di crescita più alto, conquistando il target dei giovani (in fuga da altre piattaforme). Qui i milanesi attivi sono più di 1,2 milioni. Sopra la media italiana il numero di milanesi che utilizzano Twitter (710.000) e Linkedin (665.000) con focus sul lavoro.

Cala l'interesse per Snapchat che registra 250.000 utenti attivi, più o meno lo stesso numero di account Tumblr.

 

APPLICAZIONI - Tra le 5 app più scaricate del 2019, 4 sono sempre di proprietà di Mark Zuckerberg. Balza all'occhio la crescita sempre più evidente di TikTok (il social cinese noto in patria come Douyin e che una volta si chiamava Musical.ly). La classifica vede sempre al primo posto Whatsapp, seguito da Messenger, TikTok, Facebook e Instagram.

 

SITI WEB - Google.com e Google.it guidano la classifica dei 10 siti web più consultati in Italia, rispettivamente al primo e al secondo posto. Seguono in ordine Facebook.com, Wikipedia.org, Youtube.com, Amazon.it, Repubblica.it, Subito.it, Pornhub.com e Mediaset.it.

 

GIOVANI E GIOVANISSIMI - In Italia il 90% delle persone tra i 14 e i 34 anni è connesso a internet. Analizzando le abitudini dei ragazzi tra gli 11 e i 25 anni, il 76% di chi ha uno smartphone utilizza Whatsapp, mentre Instagram risulta essere la piattaforma preferita (62%), utilizzata prevalentemente per pubblicare e visualizzare "storie" che spariscono dopo 24 ore. Instagram piace anche perché non è innvaso da fake news e argomenti legati alle tifoserie politiche. Se è vero che Facebook rimane la piattaforma più diffusa tra tutte le fasce di popolazione (anche tra i giovani tra i 16 e i 19 anni, con il 48.5%), i ragazzi che hanno un account attivo vi accedono di rado perché mal sopportano di condividere le proprie esperienze con gli adulti e non vogliono sentirsi controllati quando interagiscono con gli amici. Scelgono Facebook solo per pubblicare album fotografici o contenuti "a prova di genitore", ma sfruttano Instagram e le nuove piattaforme emergenti (come TikTok) per restare in contatto con gli amici senza sentire invasa la propria dimensione personale.

 

AUDIENCE PUBBLICITARIA - In Italia la piattaforma che garantisce i risultati migliori resta Facebook, con una audience di 31 milioni di persone (48% donne e 52% uomini) a cui va sommata quella di Instagram, composta da 19 milioni di persone (51% donne e 49% uomini). I due sistemi, entrambi di Mark Zuckerberg, condividono la metodologia che consente di indirizzare il messaggio pubblicitario solo alle persone maggiormente interessate e offrono strumenti professionali molto efficaci ai professionisti del settore. Linkedin ha unaaudience potenziale di 12 milioni di utenti. I numeri di Facebook e Instagram sono ben lontani da quelli di Twitter (che ha un'audience di 2,35 milioni di persone in Italia, composta al 68% da uomini e al 32% da donne). L'unica audience al femminile è quella di Snapchat (2,5 milioni, 73% donne, 27% uomini).